Questo sito utilizza cookies, propri e di terze parti, necessari per il funzionamento dello stesso, per scopi statistici e per ottimizzare l'esperienza di navigazione dell'utente

Chiudendo questo banner, proseguendo nella navigazione o cliccando su un elemento della pagina accetti il loro utilizzo. Per saperne di piu'

Approvo


Pescare Show 2017, il bilancio

L’edizione 2017 di Pescare Show, tenutasi nei locali della Fiera di Vicenza nei giorni dal 25 al 27 febbraio, ha registrato oltre 15.000 visitatori, in aumento del 14,5% rispetto al 2016, con la presenza di buyer provenienti da ben quattordici paesi: Giappone, Portogallo, Francia, Germania, Regno Unito, Norvegia, Svezia, Paesi Bassi, Austria, Russia, Spagna, Slovenia, Ungheria, Cuba. Organizzata per il primo anno da Italian Exhibition Group Spa, la manifestazione ha quindi confermato il trend di crescita che ha contraddistinto le prime due edizioni autonome rispetto al salone della caccia, passato dagli 11.500 visitatori del 2015 ai 13.100 del 2016, fino al nuovo record di questa edizione. Numeri in crescita anche per i brand presenti, in totale 209 marchi, in aumento del 16% rispetto al 2016, su una superficie espositiva netta di quasi 9.000 mq, anch’essa in crescita (+25%).

Decisamente vincente si è rivelato il percorso espositivo più ampio e rinnovato, soprattutto grazie all’utilizzo per la prima volta della magnifica Hall 7, dove sono stati ospitati i più importanti produttori e rivenditori italiani e internazionali: in particolare tutte le principali aziende dello spinning, con stand spesso sontuosamente attrezzati per la gioia di tutti gli appassionati del settore. Questi ultimi hanno potuto osservare e provare le nuove attrezzature, chiedendo informazioni specifiche ai vari esperti presenti, assistere e partecipare a dimostrazioni pratiche, nonché a eventi di formazione e informazione. Il format della nuova edizione ha poi dato maggiore spazio al coinvolgimento attivo degli appassionati: la parte ‘esperienziale’ è stata potenziata con numerose aree demo, tra le quali lo scenografico Acquademo, l’acquario mobile più grande d’Europa, una struttura con una capacità di 22.400 litri d’acqua. Tra gli eventi più seguiti, il Tashinari Namiki Show, che il noto pescatore giapponese, testimonial di grandi brand del settore, ha offerto in esclusiva al pubblico della rassegna vicentina proprio nel grande Acquademo.

Altra decisione felice è stata quella di dedicare alla pesca a mosca l’intera Hall 6, andando a soddisfare le richieste di un padiglione ‘autonomo’, sempre molto gradito a tutti gli operatori e fruitori del comparto. Vi erano ospitati i più importanti produttori e distributori italiani, nonché i principali rivenditori, ai quali si sono affiancati tour operator specializzati e, accanto a una delle vasche di lancio, il festoso gruppo dei fly tyiers della seconda edizione di Fly Tying Experience, l’evento internazionale di costruzione organizzato da Fabio Federighi e Federico Renzi in una lunga successione di tavoli. L’interesse del pubblico è stato tangibile, continuo e di fronte a ogni costruttore hanno sostato per l’intera durata della manifestazione diversi appassionati, nonché ‘colleghi’ in visita. Di rilievo anche l’area denominata Competence Center, spazio di informazione su diverse mete internazionali di pesca a mosca, gestito da The Fly Fishing Nation, network internazionale di fotografi professionisti, guide di pesca e pescatori a mosca, con più di 83.000 follower su Instagram. Uno bello spazio riservato alla mosca, quindi, che ci si augura sia destinato a crescere ulteriormente nei prossimi anni quanto a partecipazione e a livello qualitativo.

Corrado Facco, direttore generale di Italian Exhibition Group, ha dichiarato: «Quella che soli due anni fa era una start up fieristica oggi è diventata una solida e imprescindibile piattaforma di business e d’informazione per aziende, buyer e appassionati della pesca sportiva. Una filiera che unisce produzione, tecnologia, design e stile di vita, che il Salone ha dato prova di saper valorizzare. Il successo di questa edizione, dovuto anche all’adesione delle principali associazioni di categoria, federazioni sportive e scuole di pesca, ci spinge a investire su nuove direttrici di sviluppo per Pescare Show 2018».

La menzione finale va come tutti gli anni a Eddy Peruzzo, infaticabile referente dell’intero settore pesca, sempre disponibile – quasi h24... – a rispondere alle richieste degli espositori e a far risolvere ogni difficoltà logistica insieme a Francesca Marini e al suo efficiente staff.

La prossima edizione è fissata per i giorni dal 24 al 26 febbraio 2018.

Vota questo articolo
(0 Voti)