Questo sito utilizza cookies, propri e di terze parti, necessari per il funzionamento dello stesso, per scopi statistici e per ottimizzare l'esperienza di navigazione dell'utente

Chiudendo questo banner, proseguendo nella navigazione o cliccando su un elemento della pagina accetti il loro utilizzo. Per saperne di piu'

Approvo
 

Redazione

Redazione

Lo conferma un ordine del giorno del Consiglio consultivo del Mediterraneo MEDAC. Se ne parla sempre e forse potrebbe essere il momento di arrivare al sodo. Per farlo, certo, occorrono dati scientifici che è stato deciso di produrre e che forse potranno arrivare ad avere carichi di evidenza sufficienti a sottrarre il dibattito alla banale logica del potere politico. Le parole d’ordine sono interazione e conflitto. Tutto un programma. I soggetti sono la piccola pesca commerciale e la pesca ricreativa (ovvero tutta la pesca non legata a una licenza commerciale). Sembra evidente già solo per questa semplificazione un po’ rozza che esiste un problema di definizioni e di distinzione tra diversi ambiti di pesca; ad ogni modo entrambi gli schieramenti lamentano una situazione di interazione conflittuale. Per trattare seriamente l’argomento, si dovrebbe intanto precisare quali sono effettivamente gli ambiti interessati e tra questi quali indichino effettivamente una problematicità delle interazioni.

la pesca mosca e spinning autori Massimo Ginanneschi

Massimo Ginanneschi

Di origini toscane, Massimo Ginanneschi vive e lavora in provincia di Torino. Nato nel 1964, inizia a pescare da giovanissimo, nel 1970, approdando dopo pochi anni al mondo dell’agonismo, al quale si dedica a lungo praticando trota torrente e trota lago. Grazie a un amico, si avvicina alla pesca a mosca, dalla quale resta da subito affascinato; inizia a costruire e quest’arte per lui diventa una malattia. Con un gruppo di amici fonda la sezione del CIPM Valli Di Lanzo, diventa quindi redattore per PIPAM, socio dell’Old River Fly Club Torino, pro team Alpi Fly Fishing. Presidente e grande sostenitore dell’IFTA (Italian Fly Tyers Association) si sta tuttora dedicando all’espansione di quest’associazione e alla divulgazione della costruzione di mosche artificiali. Si diletta nella creazione di mosche da acqua dolce, ma non disdegna gli artificiali per la pesca in mare. La passione per la meccanica gli ha fatto conoscere Franco Cottarelli, titolare della CTA, ottimo costruttore di morsetti made in Italy, per il quale è diventato tester. Collabora con la rivista «Confluenze magazine» ed è coautore del libro Ricette di costruzione. Ha una visione della pesca a mosca a 360°, pur preferendo la pesca a ninfa. Le sue acque preferite sono fiumi e torrenti di fondovalle di media e grande portata. Il suo motto da fly tyer è: «Ricordati, ogni volta che osservi qualcuno al morsetto: guardalo bene, cerca di carpire anche la più piccola cosa e fanne tesoro».

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

2015

1/2015    2° West Valley Fly Fishing

2019

2/2019    Montaggio in asola

2020

5/2020     Perdigon 

2021

2/2021    Catskill style

a pesca mosca e spinning autori Alberto Edoardo Gargantini

Alberto Edoardo Gargantini

Brianzolo di nascita, austriaco d’adozione, Alberto è un pescatore di terza generazione, dal momento che suo nonno Francesco è stato uno dei pionieri della pesca in Italia. Nato praticamente con la canna da pesca in mano, ha mosso i primi passi sul fiume Adda per poi trasferirsi con la famiglia in Austria seguendo il sogno di trasformare il suo hobby in un lavoro e diventare uno dei maggiori esperti delle acque da mosca austriache. Ha cominciato come pescatore a 360 gradi e da oltre vent’anni si è specializzato nella pesca a mosca, in particolare nella pesca a mosca secca, ma lo appassionano anche le moderne tecniche di pesca a ninfa. È appassionato pure di spinning ai grossi predatori, hucho e lucci.
La ventennale esperienza lavorativa nella gestione delle riserve di pesca dell’hotel di famiglia gli ha dato la possibilità di conoscere di persona e condividere esperienze di pesca con grandi personaggi della pesca italiana ed europea, il che, insieme ai numerosi viaggi di pesca in giro per il mondo, gli ha permesso di accumulare il bagaglio di esperienza necessario a svolgere il suo lavoro di guida di pesca. È infatti guida di pesca professionale certificata A.I.GU.P.P., capitano/guida I.G.F.A. e ambasciatore S.I.M. per l’Austria.
Della pesca ama particolarmente il contatto con la natura che ne deriva. La grande passione che ha per il temolo lo ha spinto a creare il «Grayling Trophy Club», l’unico club al mondo per la certificazione di grossi temoli, e la pagina «The grayling fisherman», con un blog e uno shop dedicati alla pesca a mosca al temolo, con particolare attenzione alla divulgazione della pesca a mosca verso i più giovani.

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

2017

4/2017    Torrenti alpini. Istruzioni per l'uso

2018

Speciale Estate    Summer Gail
5/2018     I temoli della Drava

2020

Speciale Estate    I temoli della Drava 2
5/2020    Temoli d'autunno 

2021

2/2021    Il ritorno del re

 la pesca mosca e spinning autori Davide Muccino Zarlenga

Davide Muccino Zarlenga

Nato a Roma nel 1968, ha le sue prime esperienze di pesca verso i dieci anni nei canali della costa laziale che sfociano in mare, pane e pecorino attaccati a una canna in bambù presa dal giocattolaio. È subito amore, che prosegue con la pesca nei laghetti e qualche volta in mare, sempre accompagnato da un adulto. Con l’età della patente, arriva la scoperta dei fiumi e della pesca al tocco, ma la tormentata storia d’amore ha luogo negli anni Novanta, quando, dopo un trasferimento a Milano per lavoro, abbraccia la trota lago, che pratica per due anni. Tornato a Roma nel 1994, parte per le Maldive e il mondo subacqueo che scopre gli fa decidere di smettere di pescare… Nel 1999 conosce quella che poi diventerà sua moglie, abruzzese di Scanno, e finisce per ricominciare a pescare: da lì parte la sua avventura con le esche artificiali, prima lo spinning, poi la mosca, infine la Tenkara.
Nel 2005 inizia la sua collaborazione con la SIM come videomaker e, tra i vari filmati istituzionali, realizza il primo DVD ‘tecnico’ della pesca a mosca, con sei inquadrature diverse per ogni lancio, eseguito da Marino Di Luca, selezionabili dallo spettatore.
Conosce la Tenkara nel 2009 ed è subito amore: compra la prima canna e non si separa più da questa tecnica, che lo porterà a creare la prima serie tv interamente dedicata alla tecnica giapponese. «Piacere Tenkara» ha visto il suo esordio nel 2016 su PescaTV ed è andata avanti per quattro stagioni, 29 puntate in cui ha visitato posti stupendi in giro per l’Italia e catturato pesci incredibili. Inizia nel contempo la collaborazione con «La Pesca a Mosca e Spinning» come specialista della Tenkara. La divulgazione di questa tecnica continua sui fiumi con raduni e incontri dimostrativi organizzati in varie location italiane. Oggi «Piacere Tenkara» ha un suo canale YouTube dove è possibile vedere i vecchi filmati e nuove clip di tutorial e costruzione delle Kebari.

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

2017

3/2017    L'albero del Tenkara
5/2017    Piacere Tenkara 2

2018

5/2018    Piacere Tenkara 3

2019

6/2019   Tenkara in Alto Adige


2020

4/20200   A Tenkara nella Tail Water Tevere

2/2021

Aprile-Maggio 2021

la pesca mosca e spinning copertina rivista 2021 1” class=Sommario
Visualizzalo in formato PDF

TECNICA MOSCA

PRIMAVERA IN RISORGIVA

di Alessandro Galliani

Pescare nelle ore centrali del giorno, usando finali lunghi e imitazioni poco vestite, prestando attenzione ai lanci per evitare il dragaggio: questi gli ingredienti per pescare in risorgiva in primavera, per affrontare le bollate che tanto ci hanno fatto sognare durante l’inverno.

TECNICA SPINNING

BIG BAITS. QUANDO LE DIMENSIONI CONTANO

di Gianluigi 'Giangi' Boniolo

La 'Big Bait Mania' ha contagiato il movimento del bassfishing, diffondendosi come una vera e propria moda, tanto da convertire molti pescatori a un suo uso quasi esclusivo. Misure e assetto, attrezzatura, dove come quando.

ITINERARI MOSCA

CONTROCORRENTE

di Pietro Brunelli

«Nel suo ultimo libro, che giunge dopo una lunga serie di volumi dedicati alla letteratura di viaggio e ai suoi incroci con la pesca a mosca, Alvaro ci accompagna in un vero viaggio, un pellegrinaggio o una migrazione che sia: nel tempo, nei luoghi e nei modi di ogni momento specifico e fase storica».

TECNICA SPINNING

I PREDATORI DEL TARO

di Giorgio Montagna

Lo zonker con strip di coniglio naturale si presta al meglio per realizzare artificiali che imitino gli scazzoni. Questo modello nasce dall’esigenza non solo di sondare le acque più profonde, ma anche di imitare il naturale movimento che spesso hanno i pesci foraggio in balia delle correnti.

COSTRUZIONE MOSCA

BARRED JIG ZONKER

di Loris Zecchinello

Specie demersale, il dentice può essere catturato sotto costa in situazioni particolari, a patto di conoscerne a fondo le abitudini e il comportamento. L’autore mette qui a disposizione le proprie conoscenze ed esperienze, indicando strategie, tecniche e artificiali da utilizzare.

TECNICA SPINNING

LE CARPE DELL’ELSA

di Giacomo Capresi

La pesca a spinning della carpa, qui illustrata nelle azzurre acque dell’Elsa, ricche di solfati e di calcio, costituisce una tecnica complessa che richiede concentrazione, pazienza e conoscenza dei diversi comportamenti alimentari del pesce nelle varie stagioni.

TECNICA MOSCA

LE NUOVE GENERAZIONI

di Paolo Fortunati

Nonostante le moderne tecnologie ostacolino il rapporto con la natura che era un tempo tipico dell’età giovanile, i corsi per ragazzi organizzati da diversi club e la passione di genitori e nonni nel tramandare la propria passione hanno dato vita a una nuova generazione di fly fishermen.

TECNICA SPINNING

GOMME PER IL BASS

di Renzo Della Valle

«Una volta toccata l’acqua, le fibre di camoscio tenderanno a bagnarsi, creando piccoli movimenti molto sinuosi generati dalla corrente superficiale e dando massima vitalità alla mosca. Nella maggior parte dei casi l’abboccata è violenta e fragorosa, a causa delle dimensioni della mosca».

COSTRUZIONE MOSCA

SEDGE IN CAMOSCIO

di Marco Naldi

L’articolo riporta gli esiti di un’indagine condotta da Street Fishing Italia, coadiuvata da un biologo e supportata da numerosi studi scientifici, volta a fare chiarezza sul tema della presenza delle specie alloctone nelle nostre acque.

TECNICA SPINNING

IL RITORNO DEL RE

di Alberto Edoardo Gargantini

Proprio alla fine della stagione di pesca all’hucho, in due giornate nelle quali il gelo è mitigato dai primi tepori, Alberto e Francesco, decisi a catturare il pesce nelle fantastiche acque della Drava, riescono a cogliere entrambi il risultato, facendo uso di due diverse hardbait snodate.

COSTRUZIONE MOSCA

CATSKILL STYLE

di Massimo Ginanneschi

Nate come prime mosche secche per le acque statunitensi, le Catskill sono caratterizzate dall’uso di materiali solo naturali e da un montaggio nel quale le ali e le hackle vengono collocate indietro rispetto all’occhiello dell’amo di qualche millimetro, senza realizzare la testa.

AUTOCOSTRUZIONE SPINNING

BOTTOM DA TROUT AREA

di Davide Bossini

Italianizzato in ‘bottone’, il bottom, esca di derivazione giapponese molto impiegata dagli agonisti di Trout Area, può garantire nel periodo invernale grandi soddisfazioni anche ai tanti appassionati di pesca alla trota in laghetto, con vari tipi di recupero.

Speciale Artificiali 2021

la pesca mosca e spinning copertina Speciale Artificiali 2021” class=Sommario
Visualizzalo in formato PDF

COSTRUZIONE MOSCA

GOBY FLY

di Stefano Ticchiati

TECNICA SPINNING

I PALETTATI

di Renzo Della Valle

COSTRUZIONE MOSCA

TERRESTRIAL ITALIAN STYLE

di Fabio Federighi

TECNICA SPINNING

GLI SNODATI DEL SOL LEVANTE

di Gianluca Sulas

COSTRUZIONE MOSCA

CLARET BUBBLE VARIANT

di Enrico Fantasia

TECNICA SPINNING

ARTIFICIALI PER I SALMONIDI DEI LAGHETTI

di Giorgio Montagna

COSTRUZIONE MOSCA

CLYDE STYLE. THE FORGOTTEN FLIES

di Alex Vallerotonda

TECNICA SPINNING

APERTURA: TEMPO DI FLYSTYLE

di Ettore Miletto

COSTRUZIONE MOSCA

BAETIS RHODANI EXTENDED BODY

di Emmanuel Crosa

TECNICA SPINNING

L’IMPORTANZA DELLE DIMENSIONI

di Francesco Paolini

COSTRUZIONE MOSCA

BODY TUBING HEAD STREAMER

di Ilaria Barbieri

TECNICA SPINNING

FLEXIBLE SERIES

di Alessandro Fontana

COSTRUZIONE MOSCA

BWO IN TESTACODA

di Andrea Pegorin