Questo sito utilizza cookies, propri e di terze parti, necessari per il funzionamento dello stesso, per scopi statistici e per ottimizzare l'esperienza di navigazione dell'utente

Chiudendo questo banner, proseguendo nella navigazione o cliccando su un elemento della pagina accetti il loro utilizzo. Per saperne di piu'

Approvo
 

Redazione

Redazione

Lo scorso ottobre per la prima volta nella storia dell’Europa è stato lanciato un programma per rinaturalizzare i fiumi rimuovendone gli sbarramenti. I fiumi europei sono i più frammentati del mondo, causando la perdita di habitat di molte specie; una delle maggiori cause della frammentazione è la presenza di sbarramenti costruiti dall’uomo, la cui rimozione è una soluzione relativamente economica e rapida per ridare continuità ai fiumi.

I cambiamenti climatici hanno un effetto diretto sia sugli ambienti umidi sia sul settore della pesca ricreativa, causando cambiamenti nella distribuzione delle popolazioni ittiche, eventi meteorologici estremi, cambi nel deflusso dei fiumi, aumento delle temperature ecc. Il settore è particolarmente attivo con progetti di mitigazione di questi impatti, ma un’adeguata politica europea, con finanziamenti e ricerca, è cruciale per sostenere l’adattamento del settore stesso.

5/2021

Ottobre-Novembre 2021

la pesca mosca e spinning copertina rivista 2021 5” class=Sommario
Visualizzalo in formato PDF

TECNICA MOSCA

RISORGIVE A SECCA

di Massimo Magliocco

Pescare a secca in risorgiva è impegnativo sia per la scelta dell’artificiale, sia per la tecnica da utilizzare al fine di combattere i dragaggi, che in acque decisamente ‘compatte’ e dall’andamento costante come queste diventano terribilmente ostici da sconfiggere.

TECNICA SPINNING MARE

LECCIA AMIA. UN SOGNO CON LE PINNE

di Davide Bellosia

Pesce fra i più ambiti dagli spinner del Mediterraneo, la leccia amia è un pesce potente, che richiede artificiali e attrezzature ben precisi, oltre a una dettagliata conoscenza della sua morfologia e delle sue abitudini.

COSTRUZIONE MOSCA

RITORNO AL PASSATO

di Stelio Di Manno

«Dopo trent’anni di studio di entomologia e di ricerca dei materiali per realizzare mosche perfette, mi sono accorto che negli ultimi tempi finisco per usare le stesse mosche che mi venivano male quando ero un costruttore principiante». Dodici mosche da avere sempre con sé.

TECNICA SPINNING

LUNATICHE SPIGOLE

di Giacomo Capresi e Guglielmo Ciregia

Una serie di indicazioni sulla pesca della spigola diverse e ulteriori rispetto a quelle che capita di leggere più comunemente. Dall’importanza fondamentale della conoscenza delle fasi solunari alle opportunità di cattura con mare calmo in foce.

TECNICA MOSCA

TI SEI DIVERTITO?

di Ivano Mongatti

«Vedo sempre meno ecosistemi fluviali degni di tale nome, corsi d’acqua sempre meno in forma, sempre meno veri, non vedo più le schiuse degli insetti, che venti anni fa erano quotidiane. I miei amici mi prendono in giro, perché dicono che ormai pesco con il sorriso solo a Los Roques...».

TECNICA SPINNING

VAMPIRI AUTUNNALI

di Renzo Della Valle

Dopo un’estate passata a cacciare di notte, con l’accorciarsi delle giornate e l’abbassamento della temperatura il lucioperca esce allo scoperto anche di giorno: anzi, più l’acqua si raffredda, più diventa aggressivo negli orari centrali. Hard e softbait migliori per la stagione.

ITINERARIO MOSCA

L’AUTUNNO DELL’ADDA

di Alessandro Belluscio

L’autunno per l’Adda è un periodo magico: l’acqua perde quella velatura biancastra che distrae dall’azione di pesca, si torna a pescare in modo tecnico trovando il pesce a varie profondità, gli insetti schiudono di nuovo a orari piacevoli. E poi, è la stagione dei temoli!

ITINERARIO SPINNING

LO STRETTO DI MESSINA

di Antonio Lo Presti

Nella costa siciliana, lo spot più proficuo dello Stretto è quello della ‘Lanterna’, una porzione di spiaggia ricca di fascino e caratterizzata da corrente molto sostenuta, in grado di regalare catture di tutto rispetto, fra le quali barracuda mediterranei, palamite e tonnetti alletterati.

TECNICA MOSCA

SALMONI DI FINE STAGIONE

di Armando Quazzo

Se il momento migliore per la pesca del salmone è quello della risalita, buone occasioni si possono cogliere anche a fine stagione, facendo attenzione alle precipitazioni, ai livelli del fiume e alle previsioni di riduzione/incremento del­la produzione idroelettrica nei fiumi regimati.

TECNICA SPINNING

ASPI OVUNQUE

di Giorgio Montagna

L’autunno per l’Adda è un periodo magico: l’acqua perde quella velatura bianOggi l’aspio, oltre al Po, è ben distribuito in molti fiumi del Nord, quali l’Adda, il Ticino e il Taro parmense, come anche nel Mantovano. Molti lanciatori si sono così abituati a insidiare questo carnivoro, che risponde bene a un’infinita serie di artificiali.

TECNICA MOSCA E SPINNING

ACCOPPIATA VINCENTE

di Emmanuel Crosa

Vedere un pescatore a mosca e uno a spinning pescare e muoversi sulle sponde di laghi e fiumi spalla a spalla non è più raro come un tempo. L’autore si sofferma sulla condivisione dell’azione di pesca tra le due tecniche, illustrandone pregi e difficoltà.

COSTRUZIONE MOSCA

TUBE FLY

di Fabio Federighi

Molto usate per la pesca del salmone e in tempi recenti anche per quella del luccio, le tube fly consentono di montare ami piccoli su mosche anche molto grandi, nonché di poterli sostituire con estrema facilità. Storia, materiali, tipologie, impiego.

AUTOCOSTRUZIONE SPINNING

DUE POPPER PER IL CAVEDANO

di Simone Marchetti e Pierdomenico Salotti

La pesca del cavedano con esche di superficie è senz’altro quella più emozionante. Vengono in genere impiegati piccoli popper, intorno ai 3,5 cm in acque cristalline e ai 5 cm in acque velate, variando le tecniche di recupero. Gli autori presentano qui entrambi i modelli.

Non saranno stati in pochi a notarlo, almeno tra chi si dedica qualche volta alla pesca del tonno. A differenza di quanto è accaduto negli ultimi anni, le informazioni su quote assegnate, aperture e chiusure, che erano state sempre lanciate con grande enfasi, sono sembrate rarefarsi se non scomparire completamente dai tam tam sulla rete. Sarà un segno dei tempi di restrizioni sanitarie, ma sembra anche essere specchio di una tendenza generale, interrotta solo sporadicamente per cause di forza maggiore, come ad esempio è stato ultimamente il caso delle barricate contro le limitazioni alle immissioni di alloctoni nelle acque interne. Per il resto si direbbe che sia già abbastanza poter andare a pesca. Se vale per i pescatori singoli, non può che farlo anche per quelli organizzati, che meritano una pausa dalle arrabbiature per ritemprarsi sull’acqua. Passata l’estate si è pronti a ripartire, con una certa ostentazione di moderato ottimismo, che significa continuità, il che va detto che un po’ preoccupa.

Lunedì 21 giugno, nel giorno del solstizio d’estate, i pescatori a mosca hanno festeggiato la prima edizione della giornata mondiale della pesca a mosca – WFF Day –, che è stata istituita dalla Scuola Italiana di pesca a mosca – SIM – insieme alla GAIA - Game Angling Instructors Association del Regno Unito e Fly Fish USA per celebrare la pesca a mosca e i suoi valori etici ed ambientali e promuovere iniziative culturali e di diffusione della pesca a mosca anche al di fuori del mondo dei pescatori.

Il problema dei pesci non autoctoni immessi a scopo di pesca è stato a lungo ignorato per diventare sempre più importante soprattutto a causa della colonizzazione di gran parte delle nostre acque interne da parte di specie altamente invasive e dannose per la ittiofauna originaria.

4/2021

Agosto-Settembre 2021

la pesca mosca e spinning copertina rivista 2021 4” class=Sommario
Visualizzalo in formato PDF

ITINERARIO MOSCA E SPINNING

VAL DI DAONE

di Gianni Schergna e Marco Simonini

Tre giorni di pesca in due riserve no kill sul fiume Chiese nella splendida valle trentina, in compagnia dei propri figli di 10 e 12 anni: un’esperienza emozionante e coinvolgente, di condivisione di sensazioni e passioni in una natura prodiga di scenari mozzafiato.

TECNICA SPINNING

WIRE BAITS

di Gianluigi ‘Giangi’ Boniolo

Le esche metalliche rappresentano una categoria di artificiali che nel corso della storia ha mantenuto intatta la propria semplicità costruttiva. Performanti, efficaci ed estremamente catturanti, comprendono lo spinnerbait, la chatterbait, il buzzbait e l’ultimo arrivato Alabama Rig.

ITINERARIO MOSCA

RISERVA DORA BALTEA

di Armando Quazzo

«Due sono le caratteristiche della riserva: una stagione interrotta dal periodo di scioglimento dei ghiacciai e delle nevi valdostane che da maggio a fine agosto rendono impossibile la pesca e una quantità di specie e di mosche capace di far impazzire il pesce e soprattutto i pescatori».

TECNICA SPINNING MARE

ARGENTARIO

di Giacomo Capresi

Le scogliere dell’Argentario sono assai varie e si alternano fra cale e calette ciottolose, creste di roccia che entrano in acqua degradando nel blu, pareti e punte profonde e grossi massi che creano un ecosistema unico nel suo genere. Senza contare le secche staccate dalla costa.

ITINERARIO MOSCA

TAIL WATER MÖLL

di Alberto Edoardo Gargantini

La Möll è uno dei fiumi austriaci più rinomati per la pesca a mosca, con trote e temoli che popolano i suoi 80 km di acque cristalline. Particolarmente rilevante è il tratto di 6 km compreso tra lo sbarramento di Mühldorf e la confluenza con il fiume Drava.

TECNICA SPINNING

GOMME ESTIVE

di Renzo Della Valle

Le softbait rappresentano la categoria di artificiali più importante nel periodo del forte caldo estivo. Rane, gamberi e salamandre per il bass, shad di vario tipo per la trota, ma anche per gli stessi bass nonché per i persici reali e per i siluri, per i quali sono ottimi pure grub e bull dawg.

ITINERARIO MOSCA

ZRS CAPODARNO

di Federico Renzi

Sotto i castelli di Porciano e Romena, che nel Medioevo presidiavano l’alta valle dell’Arno, si può pescare in circa 5 km di fiume con due distinti tratti: il primo, a valle, aperto a tutte le tecniche, il secondo, a monte, no kill riservato alla mosca e allo spinning.

ITINERARIO SPINNING

I PERSICI DEL CECITA

di Davide Bellosia

All’interno del Parco Nazionale della Sila, è possibile pescare lungo quasi tutto il perimetro dei laghi Arvo, Ampollino, Passante e Cecita. Ci occupiamo qui di quest’ultimo, la cui importante popolazione di persici reali è insidiabile a spinning con varie tecniche.

ITINERARIO MOSCA

IL NOCE NELLA ZONA EREMO SANTA GIUSTINA

di Alberto Concini

Il tratto di Noce qui proposto è molto tecnico: i pesci, con una buona presenza di trota marmorata, sono difficili, tutti selvatici e hanno taglie anche assai importanti: non è infrequente prendere esemplari sui 50 cm anche a secca.

TECNICA SPINNING

SPINNING WILD IN LAGHETTO

di Giorgio Montagna

Sempre più i gestori dei laghetti hanno compreso l’importanza, per attirare i pescatori più avveduti, di offrire un ambiente salubre e ben tenuto, popolando le acque con salmonidi di qualità, oltre a beneficiare dei predatori già presenti, in un contesto di tassativo no kill.

COSTRUZIONE MOSCA

POPPER

di Ivano Mongatti

Le parti che definiscono il popper sono essenzialmente due, coda/e e testa, alle quali possono esserne aggiunte altre: un corpo di riempimento, spesso composto utilizzando hackles di colori adeguati, alcuni elastici montati attraverso il corpo, occhi e infine sistemi antialga.

AUTOCOSTRUZIONE SPINNING

CRANK SNODATO PER IL BASS

di Pierdomenico Salotti

La divisione del corpo in due parti dona al crank snodato un nuoto sinuoso, rendendolo efficace anche con recupero lento. Dalla costruzione un po’ più lunga rispetto al crank normale, può come questo avere varie forme, e dimensioni della paletta, per pescare in strati d’acqua diversi.