Questo sito utilizza cookies, propri e di terze parti, necessari per il funzionamento dello stesso, per scopi statistici e per ottimizzare l'esperienza di navigazione dell'utente

Chiudendo questo banner, proseguendo nella navigazione o cliccando su un elemento della pagina accetti il loro utilizzo. Per saperne di piu'

Approvo
 

Redazione

Redazione

Sabato 27 ottobre 2017 si è svolto il raduno dello Spinning Club Italia presso lo splendido lago di Osiglia in provincia di Savona, che ha visto la cospicua partecipazione delle sezioni di Lodi, Milano, Piacenza, Torino e ovviamente Savona.

Dall’incontro di cinque amici appassionati di pesca a spinning e di catch and release nasce a Torino una nuova sede dello Spinning Club Italia.

Quando le persone e le associazioni si uniscono, quando ci sono la volontà e il piacere di percorrere insieme la stessa strada e quando, come diceva un certo ‘Papa buono’, si cerca ciò che unisce e non ciò che divide, tutto riesce più facile.

Giovedì 7 dicembre alle ore 21 inizia Wild Fishing 2, la seconda stagione inedita di una serie dedicata esclusivamente alla pesca in mare. I nuovi episodi sono dedicati prevalentemente alle discipline di pesca dalla barca, avendo come obiettivo dentici, ricciole e alletterati, insidiati sia a slow pitching che a kabura. I nostri protagonisti si dedicheranno anche alla caccia ai cefalopodi con la pesca in verticale, utilizzando artificiali innovativi, e a occhiate, ricciole e spigole a spinning lungo scogliere e spiagge. Tutti gli episodi sono ambientati negli splendidi scenari del Salento.

Clean Sea Life è una campagna di sensibilizzazione per la riduzione dei rifiuti marini che unisce subacquei, pescatori, diportisti, bagnini, bagnanti, ragazzi e tutti i cittadini nella difesa del mare.

ISPRA, nell’ambito delle attività di implementazione della direttiva 2000/60/CE, ha partecipato alla definizione dei metodi per la classificazione biologica dei corpi idrici superficiali per ognuno degli organismi individuati dalla direttiva e cioè ‘macroinvertebrati bentonici’, ‘macrofite’, ‘phytobenthos’ e ‘fauna ittica’.

Lo scorso luglio è stato pubblicato dalla UE un documento di riferimento per la pesca ricreativa marittima negli stati membri: Marine recreational and semi-subsistence fishing – its value and its impact on fish stocks (Pesca marittima ricreativa e di semi sussistenza. Il suo valore e il suo impatto sugli stock ittici).