Questo sito utilizza cookies, propri e di terze parti, necessari per il funzionamento dello stesso, per scopi statistici e per ottimizzare l'esperienza di navigazione dell'utente

Chiudendo questo banner, proseguendo nella navigazione o cliccando su un elemento della pagina accetti il loro utilizzo. Per saperne di piu'

Approvo
 

Redazione

Redazione

Per la serie delle non-notizie all’inizio dell’estate, il Ministero, con decreto direttoriale, ha esteso la validità del permesso di pesca ricreativa in mare per tutto l’anno in corso. La non-notizia è quella dell’ennesima proroga del permesso gratuito per la pesca ricreativa in mare che si ripete continuamente anche se non sempre in modo regolare.

Come di consueto la pesca ricreativa del tonno rosso è stata chiusa anche per l’anno in corso con largo anticipo, all’esaurimento della quota assegnata. Ogni anno viene data notizia dell’assegnazione della quota, della data di apertura della pesca e di quella di chiusura anticipata per esaurimento della quota.

Domenica 19 maggio 2019 si è tenuto il primo Raduno Nazionale al Lago delle Piane di Masserano (BI), primo raduno SCI del 2019.

Anche nel 2019 la SIM – Scuola Italiana di pesca a mosca – ha organizzato il Sim Fly Festival, che si è svolto nei giorni 22 e 23 giugno a Castel di Sangro (AQ) nella splendida e prestigiosa cornice dell’ex Convento della Maddalena, sede del Museo internazionale della pesca a mosca ‘Stanislao Kuckiewicz’.

All’interno del SIM Fly Fishing Festival 2019 è stata inaugurata la sezione Tenkara della Scuola di Pesca a Mosca, fondata da Alberto Salvini e Davide Muccino Zarlenga, che sono anche i primi istruttori.

A volte, anzi spesso, le cose molto evidenti passano inosservate. Altre volte si considera che certi problemi siano intoccabili e da subire nostro malgrado. Per i pescatori è evidente come tutte le acque, sia interne che marine, siano afflitte da una quantità di problemi, indipendenti l'uno dall'altro ma tutti partecipi di un gravissimo degrado. Uno dei problemi in bella vista consiste nel fatto che le acque correnti di fiumi e torrenti sono costellate di sbarramenti.