Questo sito utilizza cookies, propri e di terze parti, necessari per il funzionamento dello stesso, per scopi statistici e per ottimizzare l'esperienza di navigazione dell'utente

Chiudendo questo banner, proseguendo nella navigazione o cliccando su un elemento della pagina accetti il loro utilizzo. Per saperne di piu'

Approvo
 


Imitazioni di Tricotteri e di Plecotteri


Fabio Federighi, Ivano Mongatti, Gigi Pironi, Federico Renzi

IMITAZIONI
DI TRICOTTERI E DI PLECOTTERI

con imitazioni degli autori e di

Luca Barosselli, Emanuele Bartolini, Mauro Borselli, Karim Carloni,
Beppe Casieri, Levis Dal Vesco, Stelio Di Manno, Antonio Fadda,
Enrico Fantasia, Jsmaele Forner, Andrea Gasparini, Massimo Ginanneschi,
Pier Luigi Lecca, Adriano Mineo, Marco Moscardi, Lido Mugnaioni,
Andrea Nuti, Andrea Pegorin, Antonio Sabetta, Davide Sacchi, Luca Santoro,
Marco Scleri Clari, Piero Sistino, Roberto Siviero, Nadica e Igor Stancev,
Stefano Ticchiati, Ivan Tomaselli, Nunzio Troisi, Loris Zecchinello

 
17x24 cm, 144 pp., 244 imitazioni, Zona Franca Edizioni, Roma 2020, 21,90 €

I Tricotteri sono insetti acquatici a metamorfosi completa. Trascorrono la maggior parte della loro vita in acqua, prima allo stadio di larva e poi di pupa; infine, da adulti, mettono le ali per riprodursi, deporre le uova in acqua e infine morire. Attualmente sono presenti in Italia circa 459 taxa di tricotteri, di cui 95 endemici del territorio italiano. Si dice che in alcuni torrenti i Tricotteri costituiscano fino all’80% della dieta quotidiana di una trota. Di sicuro c’è che sono insetti assai goffi sull’acqua, che emettono vibrazioni e rumore, per cui sono visibili e vivi e, per questo, assai appetibili e stimolanti per un pesce in caccia. Con un’imitazione di Tricottero (in inglese sedge) si può dunque pescare in maniera attiva, facendola muovere, vibrare, pattinare, sino a scatenare l’impulso predatorio anche di un pesce in quiete.
I Plecotteri costituiscono uno tra gli ordini di insetti a più alto rischio di estinzione. Le ninfe, così si chiamano allo stadio acquatico, amano vivere in acque fredde, pulite e ben ossigenate sotto le pietre dei torrenti (donde il nome inglese stone fly: mosca della pietra). Qualsiasi sbalzo chimico o carenza anche breve d’ossigeno, nonché l’inquinamento prodotto dall’uomo, ne provoca la rapida estinzione da quell’habitat, per cui i Plecotteri, le cui specie più belle e più sensibili si chiamano non a caso Perlidae, sono vere e proprie perle da proteggere, proteggendo le acque ancora fresche e pulite che esse abitano.
Sono presentati in questo volume undici insetti appartenenti agli ordini dei Tricotteri e dei Plecotteri fra i più rappresentativi e imitati dai pescatori. Vengono fornite dapprima le informazioni entomologiche, con riferimento alle caratteristiche morfologiche, alla diffusione e al comportamento degli insetti, seguite dai consigli sull’impiego dei vari stadi imitati in pesca. È quindi la volta delle mosche: per ogni insetto sono pubblicate le realizzazioni degli autori del volume e di altri noti fly tyer italiani e stranieri, nella successione corrispondente a quella evolutiva naturale, in modo da dare massimo risalto alla comparazione fra le diverse visioni imitative dello stesso stadio. Sono così raccolte nel volume 244 foto di altrettante mosche, ad opera di ben trenta costruttori, per offrire al lettore una panoramica quanto mai vasta dell’argomento. Al tutto si aggiungono due capitoli specifici sulle imitazioni di Tricotteri e Plecotteri secondo la visione dell’Italian style.

Il volume riprende gli articoli della serie Entomologia e costruzione relativi ai Tricotteri e ai Plecotteri usciti sulla rivista «La Pesca Mosca e Spinning» negli anni 2007‐2012.

Le schede sugli insetti, sulla loro imitazione e sull’uso in pesca si devono a
Ivano Mongatti: Odontocerum albicorne, Leuctra fusca
Gigi Pironi: Drusus improvisus, Halesus radiatus, Potamophylax cingulatus, Isoperla grammatica, Nemoura cinerea, Perla grandis
Federico Renzi: Hydropsyche pellucidula, Ryacophila dorsalis, Dinocras cephalotes
Le introduzioni ai due ordini di insetti sono di Ivano Mongatti
I testi Tricotteri italian style e Plecotteri italian style, e le relative imitazioni, sono di Fabio Federighi, tratti dagli articoli pubblicati sui nn. 1/2014 e 1/2016 di «La Pesca Mosca e Spinning»

leggi la Premessa

leggi il Sommario 

 

21,90 euro, consegna gratuita 

 

TRE POSSIBILITÀ PER PAGARE IN TUTTA SICUREZZA

1 - PAYPAL 

Per pagare con PayPal, devi solo scegliere l'opzione qui sotto, premere il pulsante e seguire la procedura guidata.

2 - BONIFICO su c/c bancario

presso la Cassa di Risparmio di Fermo SpA 
IBAN IT25F0615003200CC0370084508  
intestato a Zona Franca Edizioni srl

3 - VERSAMENTO su c/c postale

c/c postale n. 1023658204 
intestato a Zona Franca Edizioni srl

*Se paghi con bonifico bancario o con bollettino postale, dopo aver effettuato il versamento dovrai comunicarci i tuoi dati compilando il modulo sottostante:

Ti preghiamo di compilare tutti i campi obbligatori.
L'invio di questo modulo implica il consenso al trattamento dei dati secondo la normativa sulla privacy.
captcha
Ricarica


Zona Franca Editrice srl, in conformità con l’art. 10 della Legge 675/96, dichiara che i dati forniti vengono richiesti con la sola finalità di registrare l’utente  e verranno impiegati in conformità con le leggi vigenti. Vendita effettuata nel rispetto della normativa sulla vendita per corrispondenza, in ottemperanza al D. Lgs 15/01/92 n. 50, che prevede anche l’esercizio del diritto di recesso (soddisfatti o rimborsati), da esercitarsi entro il termine di sette giorni dalla data di ricevimento della merce, con diritto al rimborso dell'integrale  importo pagato escluse le spese accessorie, dietro restituzione della merce in normale stato di conservazione.

 

 

 

 

 

 

Imitazioni di Efemerotteri copertina


Fabio Federighi, Ivano Mongatti, Gigi Pironi, Federico Renzi

IMITAZIONI
DI EFEMEROTTERI

con imitazioni degli autori e di

Emanuele Bartolini, Gianluca Biagi, Mauro Borselli, Beppe Casieri,
Alessandro Casiglia, Claudio Chiti, Luigi Colucci, Vania Corà,
Matteo Domenicucci, Simone Ferri, Jsmaele Forner, Marco Moscardi,
Lido Mugnaioni, Gianluca Nocentini, Andrea Pegorin, Luca Santoro,
Piero Sistino, Roberto Siviero, Nadica e Igor Stancev, Stefano Ticchiati,
Ivan Tomaselli, Nunzio Troisi, Franco Vaccarino, Loris Zecchinello

 17x24 cm, 128 pp., 307 foto a colori, Zona Franca Edizioni, Roma 2019, 17,90 €

  

Gli Efemerotteri sono insetti di piccole dimensioni che sviluppano tutto il proprio ciclo vitale nei corsi d’acqua. La parola greca da cui deriva il loro nome ne descrive al meglio la loro principale e più curiosa caratteristica: vivono solo un giorno (o pochi giorni) allo stadio adulto. In questo breve periodo conquistano la superficie nuotando e facendosi trasportare, mettono efficaci ali, indossano le loro migliori vesti e si accoppiano, spesso, volando, con danze aeree spettacolari da osservare; infine muoiono, dopo aver deposto le uova sull’acqua. I loro stadi evolutivi, spesso citati in lingua inglese, devono essere ben conosciuti dal pescatore, in modo da essere in grado di imitarli senza difficoltà.

Sono presentati in questo volume tredici insetti appartenenti agli Efemerotteri, fra i più rappresentativi e imitati dai pescatori. Vengono prima fornite le informazioni entomologiche, con riferimento alle caratteristiche morfologiche, alla diffusione e al comportamento, seguite dai consigli sull’impiego dei vari stadi imitati in pesca. È quindi la volta delle mosche: per ogni insetto sono pubblicate le realizzazioni degli autori del volume e di altri noti fly tyier italiani e stranieri, nella successione corrispondente a quella evolutiva naturale in modo da dare massimo risalto alla comparazione fra le diverse visioni imitative dello stesso stadio. Sono così raccolte nel volume più di 300 foto di altrettante mosche, ad opera di ben ventotto costruttori, per offrire al lettore una panoramica quanto mai vasta dell’argomento.

 leggi la Premessa

leggi il Sommario

 

Il volume riprende gli articoli della serie Entomologia e costruzione relativi agli Efemerotteri
usciti sulla rivista «La Pesca Mosca e Spinning» negli anni 2007‐2012.

Le schede sugli insetti, sulla loro imitazione e sull’uso in pesca si devono a:
Fabio Federighi: Ephemerella ignita
Ivano Mongatti: Baetis rhodani
Gigi Pironi: Epeorus assimilis, Habrophlebia confusa, Heptagenia sulphurea, Oligoneuriella rhenana, Rhithrogena semicolorata
Federico Renzi: Caenis horaria, Centroptilum luteolum, Ecdyonurus venosus, Ephemera danica, Leptophlebia vespertina, Paraleptophlebia submarginata
L’introduzione è di Ivano Mongatti

 

DISPONIBILE NELLE LIBRERIE FISICHE E ON LINE