Questo sito utilizza cookies, propri e di terze parti, necessari per il funzionamento dello stesso, per scopi statistici e per ottimizzare l'esperienza di navigazione dell'utente

Chiudendo questo banner, proseguendo nella navigazione o cliccando su un elemento della pagina accetti il loro utilizzo. Per saperne di piu'

Approvo
 

Luca Dal Cer

Luca Dal Cer

BLOG | Bassfishing news dagli States

Leggi il profilo di Luca Dal Cer.

Ci sono artificiali che hanno fatto la storia della pesca al black bass – al di là del craw (imitazione di gambero) e dello shad (imitazione di pesciolino foraggio) – e che talvolta tendiamo a dimenticare nelle nostre uscite di pesca al bass. Un’esca da anni presente sul mercato è il worm, la classica imitazione di verme, della quale esistono diverse tipologie che si differenziano per misura, forma ecc.

In questo ultimo periodo ho avuto la possibilità di guardare diversi filmati americani e ho constatato che una delle tecniche che sta rendendo molto – durante i tournament ma non solo – è quella che ricorre alle swimbait in gomma, come per esempio l’EZ Swimmer di Gambler – impiegate sia per la pesca in acque basse, sia per quella più in profondità – utilizzando delle teste piombate appositamente studiate.

Siamo nel periodo delle meritate ferie, quando è possibile organizzare delle uscite di pesca che non ‘scadano’ sempre e solo nel fine settimana. Ma il grande caldo la sta facendo da padrone ed è veramente difficile pescare sotto questo sole cocente.

Guardando dei video di tournament svoltisi negli Stati Uniti – come sempre per carpire qualche segreto su come affrontare uno spot, oppure per scoprire qualche novità inerente a rig o esche – mi sono imbattuto in una gara tenutasi in un lago dello stato dello Utah, dove i partecipanti si trovavano ad affrontare diverse situazioni, tra le quali zone di canneto con acqua bassa.