Questo sito utilizza cookies, propri e di terze parti, necessari per il funzionamento dello stesso, per scopi statistici e per ottimizzare l'esperienza di navigazione dell'utente

Chiudendo questo banner, proseguendo nella navigazione o cliccando su un elemento della pagina accetti il loro utilizzo. Per saperne di piu'

Approvo
 

Armando Quazzo

Armando Quazzo

BLOG | Novità e curiosità dal mondo della mosca

leggi il profilo di Armando Quazzo

Gli Enti Locali possono esprimere eccellenze e la pesca può essere declinata anche come solidarietà internazionale. È il caso della Città di Carmagnola che si è aggiudicata un finanziamento della Regione Piemonte di 15.000 Euro, all’interno del bando «Piemonte e Senegal. Partenariati territoriali per un futuro sostenibile», per la realizzazione di un progetto denominato «GEN: Avvio di un allevamento ittico per lo sviluppo locale del comune di Ronkh - Senegal».

Nel numero 2/2016 della rivista è pubblicato l'articolo Islanda, nel quale si trova un'intervista ad Árni Baldursson, nota guida e vero ambasciatore nel mondo della pesca islandese. Vi si danno poi indicazioni sull'attrezzatura e sulle mosche consigliate. Un artificiale che si è dimostrato negli anni sempre all’altezza delle aspettative è la Haugur – una mosca islandese davvero facile da costruire, robusta ed efficace. Eccone ricetta e fasi di montaggio.

O meglio, è nata 11 anni fa la fanciulla che ha stracciato tutti i record femminili di lancio tecnico durante l’ultimo Campionato Nazionale statunitense tenutosi a Long Beach. Maxine McCormick ha totalizzato 289 punti nella gara di precisione di lancio (accuracy), posizionandosi quarta nella classifica generale, dietro il più volte campione del mondo Steve Rajeff, Chris Korich (un altro guru del lancio tecnico) e il padre di Maxine.

I blog sono in buona parte un pulpito privilegiato dal quale esprimere le proprie opinioni: una sorta di Speaker’s Corner londinese dell’era digitale dove,  per sentire la propria voce, non è necessario un tono stentoreo né una cassetta sulla quale ergersi e declamare a voce alta il proprio pensiero. Da questo ambone telematico, oltre a notizie curiose e sagaci spiegazioni, spesso partono salaci invettive all’indirizzo di questo accadimento o quell’evento che ha visto implicato od interessato il Catone di turno. Ebbene, questa volta – invece – desidero rendervi partecipi di un episodio di buon servizio e di serietà e spezzare una lancia in favore di chi il proprio mestiere lo fa con passione e dedizione.

A molti sarà capitato di trovare, nei recessi di un giaccone invernale, uno stick di burro di cacao utilizzato l’inverno precedente, spesso troppo avvizzito per essere nuovamente usato per ammorbidire le labbra. Invece di buttarlo nella pattumiera, consiglio di conservarlo per due applicazioni alieutiche di tutto rispetto: per comiciare come lubrificante per nodi.

La storia comincia alcuni anni or sono quando il solista degli Aerosmith – Steven Tyler, noto per le sue virtù canore e per il fatto di aver dato i natali alla indubbiamente attraente Liv – inizia ad adornarsi i capelli con delle singolari hair extension (estensioni di capelli), utilizzando delle lunghe e sottili piume barrate, note ai costruttori di mosche artificiali come grizzly saddle hackle, che gli allevatori di galli hanno ottenuto dopo anni di incroci e selezioni genetiche.

Maggs Brothers, librai inglesi specializzati in libri antichi, hanno scovato un libro del 1400 scritto da un monaco dell’Abbazia benedettina di Admont (Austria) che contiene – sul verso delle pagine di preghiere scritte in latino – una serie di annotazioni in tedesco-austriaco medioevale che riportano le osservazioni dell’autore in tema di pesca; nello specifico, sono dettagliate ed elencate delle mosche artificiali, delle ricette su come preparare le esche naturali e alcune trappole e reti per pesci.