Questo sito utilizza cookies, propri e di terze parti, necessari per il funzionamento dello stesso, per scopi statistici e per ottimizzare l'esperienza di navigazione dell'utente

Chiudendo questo banner, proseguendo nella navigazione o cliccando su un elemento della pagina accetti il loro utilizzo. Per saperne di piu'

Approvo
 

Luca Ciuffardi

Luca Ciuffardi

BLOG | Ittiologia

leggi il profilo di Luca Ciuffardi

L’Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale (ISPRA) ha recentemente pubblicato l’ultimo «Rapporto Nazionale pesticidi nelle acque», edito nel 2016 e basato su dati relativi alle annualità 2013 e 2014. Dallo studio si evince, purtroppo, come la percentuale di pesticidi nelle acque interne italiane sia in crescita: +20% in quelle superficiali, +10% in quelle sotterranee.

Il 12 febbraio 2016 si è tenuto a Vicenza, presso la sede di Acque Vicentine Spa, un importante workshop organizzato dall'Associazione Italiana Ittiologi Acque Dolci intitolato «La gestione dell'ittiofauna in Nord Italia: aspetti normativi e gestionali locali inseriti nel contesto della legislazione nazionale e comunitaria».

Il Centro Italiano per la Riqualificazione Fluviale (CIRF) ha pubblicato un importante dossier intitolato L’energia ‘verde’ che fa male ai fiumi. Qualità dei corsi d’acqua e produzione idroelettrica in Italia: un conflitto irrisolto; questo documento, partendo dalla comprensione del nuovo fenomeno legato ai piccoli impianti idroelettrici, intende costituire uno stimolo verso un’approfondita revisione delle norme e delle incentivazioni che regolano questo settore.

È notizia di questi giorni (fonte: Ansa.it) la pubblicazione da parte della Royal Society for the Protection of Birds – associazione britannica per la protezione degli uccelli – di un rapporto che sottolinea come il cambiamento climatico rappresenti la più grande minaccia, a lungo termine, non solo per l’uomo ma anche per la fauna selvatica. Il report, pur interessando soprattutto l’avifauna, spiega come tutti i gruppi faunistici, compresi i pesci, siano soggetti ai rischi legati ai mutamenti climatici; gli stadi giovanili di anguilla, per esempio, potrebbero essere minacciati dalle modificazioni indotte sulle popolazioni di plancton e sulle catene alimentari.