Questo sito utilizza cookies, propri e di terze parti, necessari per il funzionamento dello stesso, per scopi statistici e per ottimizzare l'esperienza di navigazione dell'utente

Chiudendo questo banner, proseguendo nella navigazione o cliccando su un elemento della pagina accetti il loro utilizzo. Per saperne di piu'

Approvo
 


4/2017

agosto-settembre 2017

la pesca mosca e spinning copertina rivista 2017 4Sommario
Visualizzalo in formato PDF

TECNICA SPINNING

PASSIONE NATIVE

di Mirko Villa

Cercare trote autoctone, ‘native’, in ambienti nuovi e incontaminati, dove pochi sono riusciti ad arrivare prima, è quanto mai rigenerante per il corpo e per la mente. Artificiali e attrezzature per una pesca fatta di sempre nuovi stupori per la bellezza delle livree dei pesci catturati.

COSTRUZIONE MOSCA

CATERPILLAR

di Nadika Stanceva e Igor Stancev

Nei periodi più caldi si possono trovare diversi bruchi sui rami che si sporgono sul fiume: alcuni cadono nell’acqua, dove i pesci li stanno aspettando e li mangiano con fragorose bollate. L’imitazione qui proposta è realizzata in flexy floss e herl di pavone.

TECNICA SPINNING

TROTE E MINICRANK NELLE ACQUE MINORI

di Giorgio Montagna

Torrenti, canali e laghetti di piccola-media estensione richiedono spesso un approccio il più naturale possibile, cercando di stanare i salmonidi dalla loro impenetrabile tana. I crank di ridotte dimensioni facilitano non poco il compito.

ITINERARIO MOSCA

TORRENTI ALPINI. ISTRUZIONI PER L’USO

di Alberto Gargantini

La seconda parte dell’estate rappresenta il periodo migliore per affrontare a mosca i torrenti che scendono dai versanti delle Alpi, capaci di regalare grandi soddisfazioni. Occorrono comunque un po’ di esperienza e di abilità personale.

ITINERARIO TREK ’N TROUT

APERTURA IN VAL SANGONE

Davide Mazzesi

Per coloro che amano pescare nei laghi alpini, «il primo di giugno rappresenta l’ora fatidica, ben più della classica ultima domenica di febbraio, perché in questi luoghi si uniscono e si fondono le dimensioni della pesca e dell’alpinismo, dando vita a un rito irrinunciabile».

TECNICA MOSCA

SWING 2. THE RIFFLING HITCH

di Armando Quazzo

«La tecnica del riffling hitch si effettua con mosche «che durante la passata attraversano la corrente a galla, creando una delicata ‘V’ in superficie e attirando l’attenzione dei pochi pesci superstiti». Per coniugare la bellezza della pesca a galla con lo swing.

TECNICA SPINNING

LUCCI CALDI... MA NON TROPPO

di Alessandro Castelli

La difficoltà della pesca estiva del luccio può essere superata scegliendo accuratamente i luoghi e optando per le tecniche più opportune. L’autore indica il frutto delle proprie esperenze e suggerisce attrezzature e artificiali per tentare la cattura dei big.

ITINERARIO MOSCA

PERLE DI PUSTERIA

di Pietro Brunelli

Il progetto ‘Riserve Riunite’ qui presentato ha «molti aspetti altamente qualitativi e un ottimo tasso di innovazione applicato alla volontà di conservazione dell’ecosistema e dell’ambiente». Con indicazione dei vari tratti interessati dal progetto e dei migliori approcci.

TECNOLOGIA

ECOSCANDAGLI: LE NOVITÀ

di Andrea Morvillo

Il settore degli ecoscandagli elettronici è stato interessato negli ultimi anni da un’evoluzione tecnologica senza precedenti, giungendo da un lato alla produzione di modelli molto piccoli, adatti anche al belly boat, dall’altro a schermi di grandi dimensioni dall’incredibile definizione.

ITINERARIO TENKARA

RIO PISSOTTE

di Davide Muccino Zarlenga

Affluente dell’Adige in località Brentino Belluno, il rio Pissotte è un piccolissimo torrente di montagna con una seducente successione di splendide cascate, buche e briglie. Si tratta di un ambiente ideale per un’uscita di pesca a Tenkara.

COSTRUZIONE MOSCA

SOFT HACKLES

di Federico Renzi

Un argomento che affonda le radici nel passato ma che è al tempo stesso molto moderno, visto che le tendenze più recenti del fly tying prevedono l’impiego di materiali morbidi in grado di appoggiarsi sulla pellicola superficiale o addirittura di penetrare all’interno di essa.

AUTOCOSTRUZIONE

DEEP DIVER

di Moreno Bartoli

Autentici professionisti della profondità, i deep diver hanno una paletta direzionale di dimensioni esagerate. «L’anellino di testa su cui fissare la lenza è spostato nel mezzo della paletta, distante dal ‘muso’, il che determina un affondamento deciso e in verticale».

Sfoglia l’anteprima