Questo sito utilizza cookies, propri e di terze parti, necessari per il funzionamento dello stesso, per scopi statistici e per ottimizzare l'esperienza di navigazione dell'utente

Chiudendo questo banner, proseguendo nella navigazione o cliccando su un elemento della pagina accetti il loro utilizzo. Per saperne di piu'

Approvo


Quelli del Red Spider

«Buongiorno. Scusi, se non disturbo potrebbe consigliarmi dieci mosche? Ho appena iniziato e non saprei cosa scegliere, se non le chiedo troppo». «Certo, non preoccuparti, piano piano imparerai a conoscerle tutte e a costruirle, se vuoi mi dici dove abiti, che una sera di questa settimana vengo a trovarti e ti insegno a costruirle». Così nacque la mia amicizia con Maurizio, soprannominato ‘Trottolino’ perché una volta, durante un guado in zona Faule sull’alto Po, per il suo peso leggero e per la forte corrente iniziò a saltare come una trottola… per fortuna il suo amico Ermanno, ben stazzato, lo prese per un braccio fermando la sua pericolosa e non voluta discesa. Quella sera Trottolino arrivò a casa mia e iniziò a insegnarmi i dressing. Proprio in quella occasione cominciammo insieme a ipotizzare la fondazione di un club di fly fishing. Vi lascio immaginare i discorsi e i ragionamenti che scaturirono da questa idea. Tra le ipotesi più o meno realizzabili si voleva soprattutto divulgare la pesca con la mosca, a quei tempi ancora ritenuta una disciplina per pochi eletti. Era il 1992 e, dopo due anni di belle chiacchierate, nel febbraio del ’94, dopo la prima riunione ufficiosa nel mio garage, battezzammo il primo consiglio del club nella taverna di casa mia. Pensammo di chiamare il sodalizio Red Spider, dalla omonima mosca sommersa di colore rosso, rigata oro e zampe in pernice che, nella sua semplicità, è letteralmente micidiale. Ben lo sapeva Trottolino, che ha sempre insegnato a usarla, dando a tutti noi la possibilità di fare bellissime catture. I soci fondatori del Red Spider ebbero grande importanza: a loro si deve la fondazione di un sodalizio che si avvia a festeggiare i trent’anni di vita, una vita fatta di grandi amicizie oltre che di pescate memorabili nelle acque di mezza Italia. Nel tempo abbiamo cambiato tre sedi e abbiamo imparato sempre di più da Maurizio, diventando a nostra volta divulgatori di questa bella disciplina e insegnando umilmente a tutti ciò che avevamo assimilato. Con l’obiettivo di dare a tutti la possibilità di mettere a frutto gli insegnamenti del Red Spider, abbiamo gestito per tre anni una riserva di pesca situata in un ramo del Ticino a Trecate, facente parte delle acque dell’Associazione sportiva trecatese, con la quale abbiamo da sempre avuto collaborazione e rispetto reciproco. In quegli anni stupendi, quando in Ticino c’era ancora pesce di tutte le specie, ci siamo divertiti in tanti, dando vita a strepitose amicizie che vanno avanti ancora oggi. Maurizio è stato per più di venti anni un grande presidente, con lui abbiamo insegnato a ragazzini di dieci anni e a pescatori over 80, cercando di infondere a tutti i principi di rispetto dell’ambiente e di difesa dei pesci, non soltanto quelli più rari e pregiati. Nel 2001 prendemmo un’importante decisione: avevamo voglia di iniziare a esistere giuridicamente e la sede di San Vittore Olona, che per lunghi anni ci aveva ospitato in un locale sotto un circolo con bar e ristorante annesso, lasciò il posto all’odierna sede legale di Nerviano in piazza Santo Stefano, slegandoci dagli orari di chiusura dei locali. Abbiamo fatto grossi sforzi per rendere la nostra sede privata perfettamente attrezzata e per favorire le attività dei soci con tanto di computer, schermo, televisione, archivio per le enciclopedie, le riviste, il materiale da costruzione e l’attrezzatura, ma soprattutto un grande tavolo progettato dal nostro socio Stefano Prada con lampade e porta morsetti per la costruzione.

Gli anni passano e se Maurizio resterà sempre in carica come ‘presidente’ ad honorem, la sua carica è stata sostituita da Carlo, grandissimo amico, grande persona e grande presidente. Carlo spesso ci ricorda che prima di essere pescatori dobbiamo essere uomini. Pietra miliare e vicepresidente ad honorem è il nostro Angelo Beretta, 95 anni, che con la sua saggezza e capacità di crearsi tutto con il suo tornio si è costruito morsetti spaziali che mai nessuno riuscirà a imitare. Ha lasciato il posto come vice ad Alessandro Bertolio, altro grande personaggio che da zero ha imparato a costruire ninfe che paiono vive, tanto sono ben dressate. E come non dimenticare Claudio Crivelli, cacciatore coi fiocchi, esperienza enorme di pescatore di altre tecniche ma infallibile anche nella pesca a mosca. Mitiche persone che hanno scritto una storia nel club, come Alessandro conosciuto come ‘il Lavatrice’ o Alessandro ‘il Savonetta’, hanno dato veramente tanto senza mai chiedere niente in cambio se non l’amicizia. Una grande persona Alberto Ongaro, un secondo padre per me e secondo mio maestro: grazie a lui 24 anni fa quando la tecnica della grande frusta (canna a due mani) nei nostri fiumi era sconosciuta, ho potuto apprezzare questa tecnica che ha stregato la mia filosofia di vita. Alberto soprannominato ‘Lo Svedese’ mi ha permesso di insegnare a mia volta la grande frusta ai soci del club, quando veramente nessuno nei nostri fiumi la praticava, oltre che insegnarmi questa tecnica sui grandi fiumi della Lombardia. Si tratta di una pesca dedicata sui pesci autoctoni e ancora oggi, a 80 anni, reputo Alberto il migliore per l’istinto nel capire prima e catturare poi. Da due anni a questa parte, e da un anno già in Consiglio Direttivo, è entrato Pierangelo Ripoldi, che con la sua passione, conoscenza e umiltà, essendo istruttore qualificato con attestati tra i più importanti nel settore mosca, ha portato ai soci una grande opportunità di insegnamento. È sempre affascinante ascoltarlo quando racconta delle sue pescate anche fuori Italia e vederlo ogni volta lanciare scrivendo poesie nell’aria e sull’acqua. Grazie a lui è entrato nel nostro club Daniele, ragazzino di 12 anni, la nostra mascotte e la sua mamma Viviana, che ad ogni nostro ritrovo sociale realizza filmati e ogni volta ci prepara merende da chef.

Questa è la storia del mio, anzi del nostro Red Spider, 28 anni di amicizie vere, fatta di tanti cuori che battono ogni volta che si trovano assieme in riva al fiume o più semplicemente per fare quattro chiacchere su quella grande passione che è la pesca a mosca. (Alessandro Dadda - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.).

2021 11 Red Spiner 2

CORSO DI P.A.M. TEORIA E PRATICA

Nei mesi di gennaio e febbraio 2021, pandemia permettendo, il Red Spider Club organizzerà un corso di pesca a mosca con lezioni teoriche e pratiche. Il corso si articolerà con una serata introduttiva di presentazione, al quale seguiranno cinque lezioni a cadenza settimanale che daranno largo spazio ai dressing, partendo dalle realizzazioni più semplici per arrivare a quelle più complesse. Si passerà poi a trattare le tecniche di lancio, anche qui partendo da quelle basilari (lanci a una mano). Terminate le lezioni teoriche sarà la volta di quelle sul campo, con l’appoggio di istruttori qualificati. Per maggiori informazioni è possibile contattare il segretario, Alessandro Dadda (cell. 336.912939 - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.) oppure seguire la pagina Facebook Redspider Club.

Vota questo articolo
(0 Voti)
Altro in questa categoria: « Fly Fishers Mantova