Questo sito utilizza cookies, propri e di terze parti, necessari per il funzionamento dello stesso, per scopi statistici e per ottimizzare l'esperienza di navigazione dell'utente

Chiudendo questo banner, proseguendo nella navigazione o cliccando su un elemento della pagina accetti il loro utilizzo. Per saperne di piu'

Approvo

Redazione

Redazione

Sono qui riportati i dressing delle mosche presentate nell'articolo pubblicato sul numero Ottobre-Novembre 2020, che narra la storia del ritrovo sul fiume Mastallone di buona parte dei componenti del gruppo che ha partecipato al Fly Tying Experience 2020 a Vicenza.

Domenica 28 giugno si è tenuta l’iniziativa a scopo benefico organizzata dal gruppo Street Fishing Italia #DistantiMaUniti THE GAME.

Nel contesto surreale creato dal Covid 19, caratterizzato dall’annullamento di tutte le manifestazioni, il club Pescatori Mosca Lodi ha voluto comunque portare avanti la tradizione del «Gran Premio di Lombardia»

«Per mezza Toscana si spazia un fiumicel che nasce in Falterona e cento miglia di corso nol sazia...». Così Dante Alighieri descriveva l’Arno nel XIV canto del Purgatorio.

Fase due, fase tre e la pandemia speriamo resti un ricordo… Tutti siamo tornati a pesca ed è già un ricordo anche la grande mobilitazione mediatica per poter tornare a pesca quando tutto era bloccato.

Ogni anno la notizia della regolamentazione della pesca del tonno rosso ottiene molta attenzione. Il tonno è tra le specie ittiche più ricercate dai pescatori e gode di una regolamentazione separata e specifica.

 la pesca mosca e spinning autori Andrea Gasparini

Andrea Gasparini

Nato nel 1971, Andrea Gasparini vive a Pozzuolo del Friuli, un paese alla periferia sud di Udine, e pratica la pesca a mosca dall’età di 14 anni. Fu il padre Valter, anche lui pescatore a mosca, a portarlo nei meravigliosi ambienti delle risorgive friulane. Era la metà degli anni Ottanta, pesci e insetti abbondavano e i primi buoni risultati non tardarono ad arrivare. Nello stesso periodo ha iniziato a cimentarsi con la costruzione degli artificiali raccogliendo le poche informazioni sulle riviste di allora, fra le quali quelle contenute negli articoli di Piero Lumini e Raffaele de Rosa sulla rivista «Pescare». Successivamente, grazie all’uscita di numerosi libri e alla frequentazione con alcuni esperti costruttori, non è stato difficile affinare la tecnica di costruzione. Le sue imitazioni richiamano in particolare lo stile di Francesco Palù, che lo ha sempre impressionato sia esteticamente che, soprattutto, in efficacia. Nel 2003 è stato tra i promotori della società «el cogol» di Pozzuolo del Friuli. Ha partecipato a diverse gare di costruzione, ottenendo la vittoria al Trofeo Bisenzio 2007, a Villa Tinin 2011 e al Gran Premio Lombardia 2013. Dal 2009 è iscritto all’IFTA (Italian Fly Tiers Association). Nonostante in tutti questi anni abbia frequentato tutte le acque, oltre che della sua regione, della Slovenia, dell’Austria e di altre regioni del Nord Italia, è ancora particolarmente legato alle risorgive della bassa friulana. Queste acque, seppur lontane dai livelli di integrità e pescosità di quando ha iniziato a frequentarle, rimangono a suo avviso ambienti dal fascino ineguagliabile.

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 

2019

Speciale Artificiali   Sei mani per Palù (con Karim Carloni e Adriano Mineo)
5/2019   Friganee
6/2019   Francesco Palù (con Fabio Federighi)  

2020

Speciale Artificiali   Bestie negli abissi
3/2020   La grande Perla