Questo sito utilizza cookies, propri e di terze parti, necessari per il funzionamento dello stesso, per scopi statistici e per ottimizzare l'esperienza di navigazione dell'utente

Chiudendo questo banner, proseguendo nella navigazione o cliccando su un elemento della pagina accetti il loro utilizzo. Per saperne di piu'

Approvo
´╗┐´╗┐

Swimming jig

Luca Dal Cer propone una novità proveniente dagli USA: una tecnica che stravolge in parte la visione tradizionale dei jig e del loro impiego, che diventano esche dinamiche per battere velocemente molta acqua. Con qualche adeguamento strutturale, naturalmente. Il filmato si riferisce all'articolo pubblicato sul n. 1/2015.

«Una tecnica non troppo considerata dai pescatori nostrani, almeno rispetto a quanto accade negli Stati Uniti. Per capire il grado di importanza che gli americani le attribuiscono, basta dare un’occhiata ai negozi di vendita on line a stelle e strisce, nei quali alla voce jig si trova una sottocategoria espressamente dedicata a questa particolare ‘variante’, dedicata sia ai campioni che partecipano ai tournament, sia a coloro che si limitano a uscite di ‘fun fishing’. Si tratta di una valida alternativa alla pesca con lo spinnerbait o con il crankbait, da inserire pertanto fra le tecniche ‘veloci’ o da ‘ricerca’. Il che può naturalmente destare perplessità parlando di jig, normalmente associati a modalità di pesca non troppo dinamiche».

Video

Swimming jig Video di Luca Dal Cer
Vota questo articolo
(0 Voti)