Questo sito utilizza cookies, propri e di terze parti, necessari per il funzionamento dello stesso, per scopi statistici e per ottimizzare l'esperienza di navigazione dell'utente

Chiudendo questo banner, proseguendo nella navigazione o cliccando su un elemento della pagina accetti il loro utilizzo. Per saperne di piu'

Approvo
 

Redazione

Redazione

Domenica 7 aprile si è svolta la manifestazione ‘Biondo Tevere’ 2019. L’obiettivo del Fly club Alto Tevere umbro, organizzatore di questa giornata di pulizia del tratto di fiume Tevere gestito dallo stesso, era quello di sensibilizzare tutti coloro che frequentano e amano il fiume sulla protezione dell’ambiente e di un ecosistema delicato. Il motto della giornata era «per un giorno si può pulire ciò che amiamo invece di pescare».

«Il Consiglio dei Ministri, su proposta del Presidente Giuseppe Conte, ha approvato, in esame definitivo, un regolamento, da adottarsi mediante decreto del Presidente della Repubblica, che modifica la disciplina relativa alla conservazione degli habitat naturali e seminaturali, nonché della flora e della fauna selvatiche (DPR 8 settembre 1997, n. 357). In particolare, il regolamento dispone che, in presenza di motivate ragioni di interesse pubblico, il Ministero dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare possa derogare al divieto di reintroduzione, introduzione e popolamento in natura di specie e popolazioni non autoctone nel territorio italiano, sulla base sia di studi che evidenzino l’assenza di effetti negativi sull’ambiente, sia di appositi criteri, che lo stesso dovrà adottare entro il termine di sei mesi dalla data di entrata in vigore del provvedimento. Il testo tiene conto dei pareri espressi dalla Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le regioni e le province autonome di Trento e di Bolzano e dal Consiglio di Stato.»

Tra nuovi dati scientifici e sporadiche misure di restrizione della pesca, sta diventando sempre più evidente quanto le acque del maggiore fiume italiano, il Po, siano inquinate e di quanto possano esserlo anche i pesci che le popolano.

Il 20 gennaio 2019 si è tenuta la quarta edizione dell’«Italy Street Fishing Game» di Adria. Le sessanta squadre iscritte, per un totale di 180 partecipanti provenienti da tutta Europa, si sono sfidate a colpi di dropshot e cucchiaini per insidiare e catturare quanti più pesci possibili al fine di portare a casa il primo posto. Quest'anno, contrariamente alle scorse edizioni, sono stati portati a guadino solo lucci perca e aspi, per un totale di più di 350 catture nelle otto ore di gara.

PB Fly Fishing & Outdoor Nasce nel cuore dell'Italia centrale, nel centro storico di un borgo antico, in una delle capitali mondiali del vino, la PB Fly Fishing & Outdoor, negozio di pesca a mosca, trekking ed escursionismo guidato dal nostro collaboratore Pietro Brunelli.

Le iniziative dell’anno internazionale del salmone sono partite nel 2018 e proseguiranno fino al 2022 con vari progetti ed eventi.

«La Commissione Pesca della UE ha adottato l’accordo preliminare che stabilisce un piano pluriennale per la pesca che sfrutta le risorse ittiche demersali nel Mediterraneo occidentale. È molto positivo che molti degli emendamenti discriminatori proposti e adottati dal Parlamento per la pesca ricreativa siano stati cancellati dai co-legislatori. Ancora più positivamente l’articolo 7 è stato completamente riformulato sulla base del testo concordato per il piano di gestione pluriennale per le acque occidentali e perciò è stato deciso che il Consiglio debba prendere in considerazione criteri ambientali sociali ed economici quando stabilisce limiti alla pesca ricreativa. Agli Stati Membri è anche richiesto di raccogliere dati sulla pesca ricreativa dove appropriato».