Questo sito utilizza cookies, propri e di terze parti, necessari per il funzionamento dello stesso, per scopi statistici e per ottimizzare l'esperienza di navigazione dell'utente

Chiudendo questo banner, proseguendo nella navigazione o cliccando su un elemento della pagina accetti il loro utilizzo. Per saperne di piu'

Approvo
´╗┐´╗┐

I risultati del progetto Sharesalmo

Il progetto interregionale Sharesalmo, avviato nel giugno 2019 e terminato nella sua parte più consistente nel giugno 2023, ha visto coinvolti il Parco Lombardo della Valle del Ticino, affiancato dal CNR-IRSA di Pallanza (VB), dall’Unione Montana dei Comuni della Valsesia, dalla società GRAIA Srl, ente privato di ricerca, dalla Società Valsesiana Pescatori Sportivi e dal GAL Terre del Sesia, ente di promozione del territorio, oltre al Cantone Ticino e il Cantone Grigioni. L’iniziativa, finanziata dal fondo europeo Interreg Italia-Svizzera, è nata grazie alla volontà condivisa degli otto partner di rafforzare l’unicità e la varietà dei propri territori attraverso la valorizzazione di un patrimonio fortemente tipico e comune: quello ittico, nello specifico dei salmonidi nativi. Riconoscendo proprio nei salmonidi endemici e sub-endemici (quali temolo, trota marmorata e trota lacustre) una preziosa risorsa naturale, culturale e turistica, il progetto ha promosso in questi anni una serie di interventi diretti sulle specie, incentivandone il ripopolamento e la salvaguardia da specie invasive.
Per citare alcuni interventi ambientali e faunistici, è stata creata la prima piattaforma transfrontaliera di monitoraggio delle migrazioni di salmonidi a scala di bacino; sono stati costruiti passaggi per pesci sul fiume Sesia; sono stati installati dei dispositivi di tracciamento per monitorare spostamenti e abitudini delle diverse tipologie di pesce, al fine di ottimizzarne il ripopolamento. In particolare, il progetto ha interessato una regione particolarmente vasta che comprende l’intero bacino del fiume Ticino (e dunque quattro grandi laghi prealpini, Ceresio, Verbano, Lario e Orta), altri fiumi come Moesa, Maggia, Tresa e Toce, e la vicina Valsesia: un’area importante, che va ben oltre i confini territoriali e si colloca all’interno di un fitto reticolo fluviale a cavallo tra Italia e Svizzera. Ma oltre alle azioni dirette finalizzate alla salvaguardia delle specie ittiche, Sharesalmo ha comportato operazioni a livello sociale, così come varie attività di promozione turistica sostenibile e campagne di sensibilizzazione verso la popolazione locale.
Sono state infatti coinvolte anche le scuole, per far scoprire più da vicino alle giovani generazioni l’ambiente che le circonda, e si è data una forte spinta a nuove forme di turismo sostenibile. In quest’ottica, grazie anche ai recenti finanziamenti Interreg Italia-Svizzera, è stato sviluppato ‘Sharesalmo IV avviso’, un vero e proprio nuovo progetto che si è concluso il 20 dicembre 2023, atto a capitalizzare, ampliare e condividere con il pubblico i risultati del progetto Sharesalmo e dei vari interventi effettuati. Anche in questo caso, le attività riguardavano la valorizzazione del patrimonio naturale, rappresentato dalla fauna ittica autoctona e il turismo responsabile. In particolare, le attività hanno messo a sistema le informazioni, le infrastrutture e le buone pratiche già sviluppate in Sharesalmo in campo di conservazione dei salmonidi autoctoni, coinvolgendo aree ancora non indagate e trasferendo l’esperienza, le pratiche e i metodi ad altre specie ittiche: i ciprinidi. Infine, parte degli sforzi progettuali è stata dedicata al rafforzamento del network che si occupa della valorizzazione culturale e turistica dell’area di progetto. I partner tecnici italiani e svizzeri hanno realizzato un database comune per la condivisione dei dati raccolti durante il monitoraggio della fauna ittica, relativamente a numero di individui, migrazione e spostamenti, comportamenti e la loro qualità come possibili riproduttori.
Ecco un riepilogo delle attività di monitoraggio: – sono state marcate circa 180 trote tramite biotelemetria con tag acustici, una tecnica innovativa per l’Italia, in cui i pesci vengono marcati da uno ‘spaghetto’ segnalatore per limitarne le catture e individuare facilmente la posizione del pesce nel corso del tempo; – sono stati marcati con PIT-tag (Transponder Passivi Integrati, sistema che si colloca all’interno del pesce) 6.000 esemplari dall’area di progetto, di cui circa 5.000 provenienti da impianti di allevamento; – presso l’incubatoio ittico di Valmorea sono state marcate circa 180.000 larve di trote con una sostanza atossica, l’alizarina, che si fissa nell’osso dell’orecchio interno. Queste larve sono poi state rilasciate nel Lago di Como, per verificare il successo delle attività di ripopolamento; – da ottobre 2019 a maggio 2022 sono stati monitorati 4 passaggi per pesci (Panperduto, Porto della Torre, Creva e Lavena Ponte Tresa) con un sistema di telecamere attive 24/7; Parallelamente, due interventi infrastrutturali hanno permesso di ricreare la continuità fluviale in una sezione del Fiume Sesia di circa 40 km, nelle località Baraggia e Baraggiolo, che si aggiungono alla costruzione di altrettanti passaggi per pesci in prossimità di Varallo Sesia. Infine, una serie di attività tecniche è stata dedicata allo studio delle aree di riproduzione attuali e potenziali del pesce siluro nei laghi Ceresio, Verbano e Lario e alla sperimentazione di tecniche di contenimento del siluro (elettropesca, reti branchiali e palamito), che hanno portato alla rimozione di oltre 200 quintali (pari a oltre 2500 individui). Nel periodo 2019-2023 l’attività di ripopolamento di trota lacustre ha coinvolto circa 106.000 esemplari, mentre nel triennio 2019-2021 la produzione di temolo padano è stata di 2.030.000 esemplari circa, tra larve e giovanili. Si aggiungono 342 esemplari nel 2021 e 13 esemplari nel 2023 di trota marmorata.
Tali numeri nei prossimi anni non potranno che aumentare, determinando un effetto a lungo termine indotto dalle attività di progetto che porta a un duplice effetto benefico per i territori coinvolti: la salvaguardia e la conservazione delle specie di salmonidi locali, dal valore conservazionistico inestimabile; l’incremento della frequentazione dei territori da parte di pescatori affascinati dalla possibilità di catturare esemplari. Per maggiori informazioni e per rimanere aggiornati su tutti gli sviluppi, si può fare riferimento al sito www.sharesalmo.it.

Vota questo articolo
(0 Voti)