Questo sito utilizza cookies, propri e di terze parti, necessari per il funzionamento dello stesso, per scopi statistici e per ottimizzare l'esperienza di navigazione dell'utente

Chiudendo questo banner, proseguendo nella navigazione o cliccando su un elemento della pagina accetti il loro utilizzo. Per saperne di piu'

Approvo
 

Redazione

Redazione


 
La più popolare tra le bevande, la birra, non potrebbe esistere senza acqua di qualità e d’altronde non è possibile immaginare un mondo in cui la nostra birra preferita abbia un aspetto, un odore e un sapore di acqua sporca. O peggio un mondo in cui, al posto di un boccale fresco e dissetante, ci venga servito solo un mucchietto di luppolo secco.

Da ormai troppo tempo i pescatori ricreativi chiedono una revisione delle normative per quanto riguarda sia la pesca in mare che quella in acque interne. Negli anni si sono susseguite varie proposte di legge che non hanno avuto seguito e che del resto non avevano velleità di fornire strumenti efficaci per una reale evoluzione della gestione. L’ultima proposta organica di legge quadro per le acque interne è cosa recente, ancora in attesa di intraprendere l’iter previsto.

La situazione delle nostre acque interne è allarmante: solo il 43% dei 7494 fiumi considerati è in un ‘buono stato ecologico’, come richiesto dalla Direttiva Quadro Acque (2000/60/CE), mentre il 41% è ben al di sotto dell’obiettivo di qualità e un 16% non è stato nemmeno classificato.

Da pescatori ci interessano molto i fiumi, quelli che a volte abbiamo sentito e ancora continuiamo a sentir chiamare fiumi assassini, cosa insopportabile per noi che invece i fiumi li conosciamo, li viviamo, li amiamo. Continuiamo a sentirci dire che i danni e i lutti causati dalle piene dipendono dalla mancata manutenzione.

È ormai da tempo che si sente parlare della istituzione di una licenza di pesca a pagamento per la pesca ricreativa in mare e sembra che la questione continui a essere di attualità. Dopo le varie versioni del Testo Unico per il settore ittico nella precedente legislatura, a fine ottobre la bozza della Legge di bilancio era tornata con decisione sull’argomento.

Domenica 2 dicembre 2018, in una cornice di festosa amicizia, si sono riuniti presso il Sayot Fly Fishing, a Borgofranco d’Ivrea (TO), venti tra i migliori fly tiers italiani per dar vita al IV Trofeo Bugia Nen, gara di costruzione nazionale.

In data 11 novembre 2018 presso il Lago Verde, in provincia di Piacenza, si disputerà la prima edizione della Valkein Cup Italy, una gara dedicata alla sola Trout Area, il nuovo trend proveniente dal Sol Levante, appassionante e divertente, che sposa la filosofia del catch and release.