Questo sito utilizza cookies, propri e di terze parti, necessari per il funzionamento dello stesso, per scopi statistici e per ottimizzare l'esperienza di navigazione dell'utente

Chiudendo questo banner, proseguendo nella navigazione o cliccando su un elemento della pagina accetti il loro utilizzo. Per saperne di piu'

Approvo
 

Redazione

Redazione

Il prossimo 4 novembre, nel magnifico contesto ambientale della laguna di Orbetello, torna Sea Bassmaster Marine, l’evento nazionale di pesca con esche artificiali che ha come protagonista il pesce predatore simbolo dei nostri mari, la spigola.

A partire dal prossimo 21 ottobre 2018, ritorna una nuova edizione del Golden Pike, il circuito agonistico di pesca al luccio che offre la possibilità agli appassionati lanciatori di cimentarsi col predatore simbolo delle nostre acque interne e ambire alla conquista del titolo di campione alzando il prestigioso trofeo emblema, fin dalla prima edizione, di questa manifestazione.

Per l’anno 2018, nei progetti del tavolo blu della regione Veneto, lo Spinning Club Italia ha presentato un progetto di rifaunazione di specie autoctone, in relazione al persico reale e al luccio. Il progetto, finanziato dalla regione Veneto, quest’anno ha avuto anche la partnership dell’azienda Big Fish della famiglia Boscolo, la quale si è offerta di sostenere economicamente lo SCI per la buona riuscita del progetto.

Lo scorso 10 giugno si è tenuta l’edizione 2018 della gara a spinning da imbarcazione ai predatori denominata Predator Challenge, organizzata da Spinning Club Italia asd per l’interessamento del consigliere nazionale, responsabile per il Veneto, Luca Passarella, e la partecipazione del segretario Ettore Ghezzi.

Il lago di Chiusi (seguito a ruota da quello di Bolsena) è il primo lago al mondo per inquinamento da microplastiche. Con circa diecimila particelle per metro quadro, Chiusi risulta essere il settimo ecosistema di acqua dolce più colpito del pianeta.

Una campagna promossa dall’associazione di difesa della spigola «Save Our Sea Bass» nella regione inglese del Sussex ha come scopo la creazione di una ‘Net Free Zone’, una zona di mare libera dalle reti a ridosso della riva con la doppia finalità di tutela degli ambienti sensibili delle acque antistanti la battigia e di sostegno e valorizzazione della pesca ricreativa da terra.

Con Decreto Direttoriale dello scorso 9 agosto si è chiusa la stagione di pesca ricreativa del tonno rosso, che resta consentita con il catch and release per le imbarcazioni autorizzate fino al 31 dicembre. L’unica novità di questa stagione sembra essere stato il superamento della soglia psicologica di agosto, visto che negli ultimi anni la chiusura era avvenuta a fine luglio.