Questo sito utilizza cookies, propri e di terze parti, necessari per il funzionamento dello stesso, per scopi statistici e per ottimizzare l'esperienza di navigazione dell'utente

Chiudendo questo banner, proseguendo nella navigazione o cliccando su un elemento della pagina accetti il loro utilizzo. Per saperne di piu'

Approvo
´╗┐´╗┐

Daiwa Classic 2019

La dodicesima edizione del Daiwa Classic si è conclusa con la vittoria di Cristian Pizzingrilli, che con uno straordinario risultato agonistico ha ritualmente alzato l’ambito trofeo emblema della manifestazione. Sono stati due giorni di gara duri e impegnativi: le condizioni meteo e dell’acqua, con abbassamenti della temperatura e alcuni temporali che hanno inevitabilmente sporcato i laghi Lungo e Pontini, hanno messo a dura prova i partecipanti, che si sono trovati a impegnare una situazione imprevista mettendo in campo tutta la loro esperienza. Ad alzare la soglia del livello tecnico, la presenza di nomi di spicco del panorama agonistico nazionale ha reso questa edizione ancor più avvincente e combattuta, con confronti serrati all’ultima cattura.

La competizione è partita in modo deciso fin dai primi momenti del sabato in cui si è tenuta la prima sessione di gara, quando nei due laghi che ospitavano i 151 agonisti veniva dato il via simultaneo. Alcune delle novità introdotte in questa edizione hanno regalato ottimi risultati, come auspicato dall’organizzazione: aver raddoppiato i turni di pesca con altrettanti spostamenti e conseguentemente ridotto le tempistiche per ogni singolo turno, infatti, ha complessivamente equilibrato la competizione, tanto da far registrare in ultima battuta una classifica generale con punteggi molto serrati.

Com’era prevedibile, le tecniche che hanno fatto da padrone sono state quelle del trout area e del light spinning, con un uso massiccio e insistente di piccoli spoon saltuariamente sostituiti da micro jerk e minnow; la strategia orientativa adottata fin da subito da tutti i lanciatori mirava a ‘capitalizzare’ catture, puntando in modo specifico le trote iridee rilasciate in pronta pesca il giorno precedente, che hanno risposto immediatamente alle azioni di ricerca dei concorrenti, anche se sono stati riscontrati davvero troppi pesci slamati a causa anche della repentina modalità di attacco dei salmonidi, che non aggredivano con decisione gli artificiali.

Nonostante ciò, la sequenza delle catture è stata comunque molto importante, tanto da far registrare in entrambe le giornate di gara oltre duemila pesci inseriti in classifica, la quasi totalità trote ma anche qualche black bass e persico reale come da target di questo evento, dedicato ai pesci predatori.

La prima sessione di gara si era chiusa già con un ottimo risultato da parte di Pizzingrilli, secondo nel suo lago di appartenenza, ma anche per qualche altro angler che nella seconda giornata di competizione ha saputo mantenere il vantaggio. In effetti la domenica, dopo una nuova semina di trote (nel lago Lungo invece, da questa edizione è stata introdotta anche una semina intermedia dopo il quarto turno di gara), le catture hanno ripreso con buona frequenza; non si sono fatte attendere anche le taglie forti, con pesci di oltre un chilo, un chilo e mezzo (a rappresentare la popolazione ittica già presente nei due laghi) come combattive iridee e tenaci fario che hanno saputo mettere a dura prova le attrezzature degli agonisti e in alcuni casi hanno avuto la meglio, slamandosi o peggio rompendo i sottili finali.

La competitività tra i partecipanti si è fatta sentire non solo nel confronto individuale, ma anche e soprattutto nella proiezione della classifica a squadre, dove a giocarsela sono stati noti gruppi con grande preparazione tecnica; infatti, nella classifica conclusiva, la squadra campione del Daiwa Classic si è rivelata essere la Black Eagle Spinning, seguita al secondo posto dall’agguerrita APS Sansepolcro Herakles, e la Teramo Spinning, composta dai giovanissimi della società, vere rivelazioni di questa edizione, che hanno conquistato il terzo gradino del podio. Nella classifica individuale onore a Cristian Pizzingrilli, come detto inizialmente nuovo Campione del Daiwa Classic, che con 41800 punti ha primeggiato su tutti gli altri concorrenti, seguito a ruota da Tommaso Benvenuti con 36700 punti e al terzo posto Lorenzo Arenare con un totale di 33100 punti. Tutti e tre si sono aggiudicati un soggiorno di pesca premio in Svezia, della durata di una settimana, con l’organizzazione di PescainSvezia per vivere un’indimenticabile esperienza ai grandi pesci predatori del nord Europa. Per maggiori informazioni sulla manifestazione, consultate il sito www.insidefishing.it

2019 05 Daiwa Classic 2

2019 05 Daiwa Classic 3

Vota questo articolo
(0 Voti)