Questo sito utilizza cookies, propri e di terze parti, necessari per il funzionamento dello stesso, per scopi statistici e per ottimizzare l'esperienza di navigazione dell'utente

Chiudendo questo banner, proseguendo nella navigazione o cliccando su un elemento della pagina accetti il loro utilizzo. Per saperne di piu'

Approvo
´╗┐´╗┐

Collaborazione tra Spinning Club Italia e Associazione tutela Stura di Lanzo

I corsi d'acqua, con il loro patrimonio di biodiversità, sono spesso messi a dura prova da molti fattori che hanno portato nel tempo alla rarefazione di specie autoctone pregiate, quali ad esempio la trota marmorata e il temolo adriatico, rendendo indispensabile un supporto alla sopravvivenza di queste specie con interventi e progetti mirati a questo scopo. Un ruolo importantissimo per il recupero delle specie autoctone si gioca con la gestione degli incubatoi di valle, per i quali molto spesso è fondamentale l'intervento e la collaborazione dei pescatori stessi, che attraverso la loro opera di volontariato qualificato ne rendono possibile il funzionamento. In provincia di Torino, nelle valli di Lanzo, l’incubatoio locale gestito da moltissimi anni dall’Associazione tutela Stura di Lanzo, con l'assiduo lavoro dei suoi volontari e dell'ittiologo della Città Metropolitana di Torino, vede da qualche anno anche la fattiva collaborazione dei soci dello Spinning Club Italia, che danno il loro supporto per la gestione di alcune attività in incubatoio e delle attività connesse ‘sul campo’ di recupero delle specie ittiche. In particolare, durante i mesi di febbraio e settembre di ogni anno una fitta rete di canali artificiali che diramano dal corso principale di fondovalle del torrente Stura di Lanzo, utilizzati come ‘nursery’ per gli avannotti prodotti in incubatoio, vengono messi in asciutta richiedendo un massiccio intervento di volontari per il recupero di trote e temoli e per il loro trasferimento nel corso principale del torrente, rendendone possibile l'accrescimento nel loro ambiente naturale. Queste attività rendono possibile la tutela del torrente e delle sue specie native e non sarebbero possibili senza il supporto del volontariato. La collaborazione tra i pescatori, anche e soprattutto istituendo una collaborazione tra le associazioni che li rappresentano, è fondamentale per la tutela delle specie ittiche autoctone e della biodiversità e lo Spinning Club Italia contribuisce a istituire questo tipo di collaborazione anche con le attività delle sue sedi provinciali.

Vota questo articolo
(0 Voti)