Questo sito utilizza cookies, propri e di terze parti, necessari per il funzionamento dello stesso, per scopi statistici e per ottimizzare l'esperienza di navigazione dell'utente

Chiudendo questo banner, proseguendo nella navigazione o cliccando su un elemento della pagina accetti il loro utilizzo. Per saperne di piu'

Approvo
´╗┐´╗┐

Possibilità di pesca per il 2018 nel Mediterraneo

La Comunicazione della Commissione della UE sulle «possibilità di pesca per il 2018» rinnova il richiamo alla necessità di riduzione dello sforzo di pesca commerciale nel Mediterraneo segnalando una lista di cause delle difficoltà di gestione. In generale tutti i mari europei hanno visto migliorare la situazione dei loro stock ittici e della redditività della pesca a seguito di interventi di gestione, piani pluriennali e indicazione di quote, ad esclusione del Mediterraneo, dove al contrario, in mancanza di queste misure, gli indicatori considerati segnalano un ulteriore peggioramento e dove la situazione era e resta drammatica. Estratto (per il testo completo vedi https://goo.gl/ZqD4HS): «Nel Mar Mediterraneo e nel Mar Nero la transizione verso l’FMSY [tasso di mortalità di pesca, che se applicato continuativamente corrisponde al massimo rendimento sostenibile (maximum sustainable yield, MSY)] rappresenta ancora una sfida per una serie di motivi: – il numero elevato di navi della flotta su piccola scala, per le quali le procedure per il controllo, l’esecuzione delle norme, il monitoraggio e la dichiarazione delle catture (sbarchi e rigetti) sono insufficienti; – il carattere multispecifico della pesca; – la condivisione degli stock ittici tra Stati membri e paesi terzi che rende più difficile il rispetto degli obiettivi della PCP; – il fatto che il numero di stock ittici valutati annualmente (circa 35) è considerato molto basso. Nel Mediterraneo il livello generale di sovrasfruttamento è all’incirca di 2 o 3 volte superiore all’FMSY. Nonostante i recenti progressi, il numero di stock di cui non si conosce lo stato rimane elevato. Per stock quali il nasello, la triglia di scoglio, il rospo e il melù gli attuali tassi di mortalità per pesca sono fino a sei volte superiori all'FMSY. La Commissione si sta adoperando per migliorare la raccolta dei dati per tutti gli stock in questione e ha chiesto allo CSTEP (Comitato scientifico, tecnico ed economico per la pesca) di formulare pareri su nuovi stock. In un numero esiguo di attività di pesca praticate nel Mediterraneo gli stock sono sfruttati a tassi compatibili con il conseguimento dell’FMSY. In tale contesto, il rispetto dell'obiettivo della PCP di conseguire l'FMSY per tutti gli stock entro il 2020 richiederà un maggiore impegno».

Vota questo articolo
(0 Voti)