Questo sito utilizza cookies, propri e di terze parti, necessari per il funzionamento dello stesso, per scopi statistici e per ottimizzare l'esperienza di navigazione dell'utente

Chiudendo questo banner, proseguendo nella navigazione o cliccando su un elemento della pagina accetti il loro utilizzo. Per saperne di piu'

Approvo


Raduno nazionale al luccio 2018 al lago di Osiglia

Il luccio rappresenta uno dei pesci predatori più entusiasmanti e significativi presenti nelle nostre acque nazionali. Non per nulla la specie compare anche nello stemma dello Spinning Club Italia, che non manca mai di organizzare eventi che mettano la specie al centro dell’attenzione, nella speranza che un sempre maggior numero di pescatori e gestori di acque si interessino alla sua conservazione, in tanti territori ormai in deciso declino. Una delle migliori iniziative organizzate in tal senso negli ultimi anni consiste nel raduno nazionale dedicato all’esocide che anche quest’anno si è svolto il 14 ottobre nelle acque del lago di Osiglia ad opera della sede SCI di Savona. Il bacino è un invaso artificiale di mezza montagna che nelle sue fresche e ossigenate acque ospita abbondanti popolazioni di ciprinidi e persici reali, arricchite da cospicue immissioni di trote da parte del Comune di Osiglia, attuale gestore dell’invaso. L’importante biomassa ittica riesce in tal modo a sostenere una colonia di lucci in grado di raggiungere taglie di tutto rispetto e che ha rappresentato il target dei numerosi soci convenuti per la giornata di pesca, sfidandosi in un libero confronto da imbarcazione, da piede e per i più incuranti della temperatura delle acque anche da belly boat. È stato così che il socio della sede SCI di Torino Giuliano Buono, pescando con l’ausilio di un tecnologico ‘ciambellone’, ha potuto meritatamente ferrare l’esemplare migliore della giornata, lungo oltre un metro, prontamente rilasciato vivo e vegeto dopo qualche doveroso scatto fotografico necessario a immortalare la soddisfazione della cattura. La sede SCI di Savona, condotta dal responsabile Marco Bettalico, è da tempo impegnata in collaborazione con la locale sezione di Carp Fishing Italia in un’attività volta alla tutela del luccio e della carpa, avendo ottenuto l’importante risultato dell’istituzione di un regime no kill indirizzato a entrambe le specie. Per tutti i partecipanti resta il ricordo di un’occasione di serena pesca in amicizia e la voglia di ripetere l’esperienza alla prossima occasione.

Vota questo articolo
(0 Voti)
Altro in questa categoria: « In belly per l’Adda morta